SOCIAL MEDIA

mercoledì 7 ottobre 2015

Darkest Light #1


Darkest Light - La luce più oscura - è una rubrica personale a cadenza settimanale dove racconterò della cosa più brutta e di quella più bella che mi sono accadute. Il nome deriva dal fatto che è proprio dai momenti più bui che dobbiamo saper tirare fuori la luce.



Prima di cominciare, lasciatemi spendere qualche parola su questa rubrica:


Darkest Light è nata grazie alla mia cara amica Alessia che un giorno, vedendomi in difficoltà, ha deciso di riempirmi di ottimi consigli sulla gestione di un blog.

Molto probabilmente la conoscete già, se così non fosse potrete facilmente notare - attraverso il suo blog "Il profumo dei Libri" - che stiamo parlando di una veterana del mestiere. :)
Essendo il mio un blog personale, ma non volendovi annoiare con banalità in stile "Caro Diario, oggi giornata pesantissima...", ho chiesto aiuto un po' qua e là e lei si è gentilmente offerta, regalandomi questa bellissima idea.

Bando alle ciance, ora cominciamo...


Durante questa settimana, la cosa in assoluto più brutta è sicuramente quando una mia collega, ma soprattutto amica, ha saputo durante la pausa pranzo che la sua nonnina non c'era più.

Leggere nei suoi occhi il dolore della perdita di un caro è stato veramente difficile; essere lì e voler fare qualcosa per farla stare meglio, ma al tempo stesso sapere che non ci sono parole e/o gesti in grado di toglierti quel doloroso vuoto che ti si forma dentro, ti rende impotente.
L'aver perso un caro di recente mi ha però aiuta, mi ha fatto riflettere su come le persone si sono comportate con me quando è successo a me... così ho fatto esattamente la cosa che più ho apprezzato dagli altri: dimostrarle di non essere sola e che, se avesse avuto bisogno di qualcosa, sapeva di poter contare su di me.




Passiamo ora alla cosa più bella - non vedevo l'ora di parlarne! :)


Durante questa settimana ho ricevuto tre meravigliosi messaggi da tre persone diverse alle quali voglio un bene immenso e che con un semplice gesto, come quello di scrivere, mi hanno riempito il cuore di gioia.


Ve li elenco qui sotto in ordine sparso:


Il primo l'ho ricevuto dalla ragazza di cui vi ho appena parlato, nonostante avesse ben altro a cui pensare ha trovato un attimo per spendere delle bellissime parole nei miei confronti. Trattandosi di un argomento delicato e troppo personale, vista la situazione, preferisco non lasciare qui le sue parole, ma sappiate che era uno di quei messaggi che ti fanno sorridere davanti lo schermo, anche quando sei in presenza di sconosciuti.


Il secondo l'ho ricevuto dalla mia "Ancora", la piccola dolce Rosa, che trova sempre le parole giuste per ricordarmi che non devo permettere a ciò che mi circonda di farmi affondare. Non tollera le mie cadute, perché sa che sono frutto di un inutile pessimismo, è infatti sempre pronta a farmi tornare in piedi più forte di prima.



«Perché la gente che TU vuoi emozionare ha bisogno di te.»


Infine eccoci al terzo, quello della mia migliore amica che questa settimana ha anche compiuto gli anni. Lei è come una sorella per me, la sorella maggiore che mi aiuta, mi sgrida, mi avverte, mi prende in giro, mi sostiene e supporta, ma al tempo stesso mi tiene con i piedi per terra.

Be', questo per me è un periodo un po' difficile, particolare, e lei lo sa bene; quando dopo una giornataccia, una di quelle pesanti che ti tolgono il sorriso, ti arriva un messaggio come il suo, tutto il resto non ha più importanza.


«Ieri sera ti ho scritto che sei la migliore amica del mondo ed è vero. E siccome lo sei e fai tanto per me, proverò a fare io qualcosa per te: migliorarti la vita.»




Davanti a questi messaggi, alle persone che li hanno scritti e il bene che mi dimostrano giorno dopo giorno, non posso fare altro che ricordami di essere fortunata.
Devo ricordarmi che anche nelle giornate più buie ci sarà sempre una persona che mi farà vedere uno spiraglio di luce, che non mi lascerà sola e non mi farà affogare nei miei problemi, nelle mie paranoie e insicurezze. Quindi devo dire grazie, grazie a tutte le splendide anime che per scelta mi sono accanto.

Vi voglio bene,

Jennifer

4 commenti :

  1. Che meraviglia. Sono contenta di esserti stata utile...e ti ho già espresso tempo fa la mia gioia nell'essere riuscita a ritrovarti. Ho sempre saputo e sostenuto il tuo essere speciale e una persona splendida. Lo dimostri con questo blog, col tuo cuore e tramite le persone che ti amano e ti sono accanto. Credo sia un'enorme fortuna poterti essere amica e ricevere il tuo affetto, così come potertelo dare.
    Mi dispiace per la tua amica/collega, il dolore della perdita è sempre molto personale e spesso le parole non servono, per fortuna che l'affetto e l'amore non si trasmettono solo a parole.

    Un bacio Jen e prometto che appena riesco commento anche l'altro post...se il cellulare non rompesse le scatole sarei anche diventata follower, ma riuscirò anche in questo prima o poi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie infinite per questo commento e per le splendide parole che hai usato.
      Sono felice anche io che nonostante sia passato del tempo, il bene che ci volevamo non è mutato, ma al contrario ha preso una forma più solida e matura. Sei una persona stupenda, una cara amica e un'ottima dispensatrice di consigli. :)
      Grazie di tutto!

      Elimina

  2. Appena ho letto che avevi pubblicato l'articolo mi è apparso un sorriso, finalmente ti vedo attiva e sai quanto vuol dire questo.
    È triste la prima parte, e credimi è tanto bella nonostante ciò. So cosa vuol dire perdere, e molte volte sentivo che le persone verso il mio dolore non facevano mai abbastanza. Poi ho capito. Le persone non mi davano ciò che volevo, non alimentavano il mio dolore. Ero fiera del mio dolore e volevo portarmelo sempre con me, in giro, mi sentivo una guerriera e non mi accorgevo che perdevo tanti pezzetti di me per la strada che poi non ha raccolto nessuno.
    Questi mesi sono così strani, e quando pensi che arriva l'inverno e Natale tutto diventa così difficile. Sai che la famiglia che avevi un tempo non te la restituisce nessuno, e tu sei sempre lì pronta a darti una parola di conforto che possa riempire una mancanza.
    Quante cose si perdono per strada, quante persone lasciano questo mondo. Eppure siamo consapevoli che anche noi un giorno abbandoneremo la nave.
    Mi sento sempre di troppo nei commenti, perché divago da morire. Poi mi perdo e non trovo più il filo.
    Sono felice tu abbia toccato questo tasto, perché la parola PERDERE di solito è accompagnata costantemente dalla LUCE, la stessa che i nostri cari hanno visto e ritrovato.
    Grazie di questa dedica, grazie di questo imbarazzo. Ora arrossisco e vorrei nascondermi. Ahaha❤️
    Sei una persona meravigliosa, Soul. E nemmeno altri mille righi mi aiuterebbero a descriverti! Devi essere solo pronta a farti conoscere e non devi avere paura.

    Quante battaglie piccole insieme io e te, e quanta distanza abbiamo. Eppure siamo ancora qui! Più forti di prima!
    E tu? Quante ferite hai, quanti sogni, quante speranze. Ti sei fatta una promessa che ora devi solo mantenere. Poi la vita, giuro, ti darà tutto il meglio che meriti! E credimi è tanto! ❤️
    Ti voglio tanto bene e non devi mai ringraziarmi.
    Mi scuso del discorso quasi balbuziente, ma è l'ora. Ti voglio troppo bene, non potevo lasciare questo articolo senza il mio commento.
    ⚓️

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La prima parte del commento mi ha messa a dura prova: avevo le lacrime che insistenti volevano cadere, ma le ho ricacciate indietro. :')
      È bellissimo ciò che hai scritto ed è vero al punto da far male, perdere e luce sono due parole che coesistono senza che noi ce ne rendiamo conto.
      Comunque, tesoro, non essere imbarazzata, volevo solo darti il merito di essere tra le poche persone che mi scaldano il cuore.
      Siete poche, ma siete l'AMORE. <3
      Grazie! <3

      Elimina