SOCIAL MEDIA

lunedì 21 dicembre 2015

#MotivationalMonday #4




#MotivanionalMonday è una rubrica da me creata a cadenza settimanale dove posterò una frase motivazionale, accompagnata da un consiglio letterario, cinematografico o serie tv il più possibile inerente al contesto.



Never apologize for being sensitive or emotional. Let this be a sign that you've got a big heart and aren't afraid to let others see it. Showing your emotions is a sign of strength.
- Brigitte Nicole


Wow! Quando ho letto questa frase mi si sono illuminati gli occhi, è come se fosse destino la trovassi proprio in questi giorni...
In questo ultimo periodo sto cercando di proteggermi, fingendo disinteresse e cinismo per qualsiasi cosa - questo ovviamente non letteralmente con tutto e tutti, ma con una buona parte di persone che sento mi giudicherebbero per ciò che sono realmente: una persona sensibile, incapace di dare poco e vogliosa di dare tanto. Non riesco davvero a capire perché molti sono spaventati da chi è in grado di volere bene in modo incondizionato, da chi ha piacere a farti un pensierino solo per vederti il sorriso sulle labbra, da chi è disposto a farsi in quattro pur di farti stare bene, dalla sensibilità. Voi sapete il perché? Se sì, vi prego, ditemelo.
Ad ogni modo, vi piace questa frase? Io me ne sono innamorata e spero di imparare a lasciarmi andare, dimostrando che non c'è niente di male ad essere sensibili ed emotivi.

E per questa citazione meravigliosa ho deciso di abbinare il mio film preferito, una storia che mi è entrata nel cuore come nessun'altra in tutta la  mia vita - e di film ne vedo fin troppi... xD
Mi sono ripromessa che al più presto dovrò leggerne anche il libro, chissà, magari diventerà anche il mio libro preferito?
Di che sto parlando? Il miglio verde un racconto travolgente e doloroso, ma incredibilmente straordinario. Ho amato John Coffrey come fosse mio fratello, gli ho voluto bene come fosse un migliore amico che conosco dalla nascita; la sua sensibilità, la sua empatia nei confronti di tutto il mondo... lui è un personaggio epico



IL MIGLIO VERDE

Regia: Frank Darabont
Sceneggiatura: Frank Darabont
Produttore: Frank Darabont
Soggetto: Stephen King
Casa di produzione: Warner Bros., Castle Rock Entertainment, Darkwoods Productions
Paese: Stati Uniti d'America
Anno: 1999
Genere: Drammatico, fantastico
Durata: 182 min
Titolo originale: The Green Mile


TRAMA:
Il Miglio Verde è il racconto narrato da Paul Edgecomb all'amica Elaine Connelly. L'uomo vive in una casa di riposo; sono passati circa sessanta anni da quando lavorava come capo delle guardie del braccio della morte nel penitenziario di Cold Mountain. Durante la grande depressione, nel vecchio carcere del sud degli Stati Uniti, Edgecomb si occupava di quattro assassini che attendevano di compiere la loro ultima passeggiata lungo il cosidetto Miglio Verde, il corridoio rivestito di linoleum verde che li avrebbe condotti alla stanza delle sedia elettrica. Da quando prestava servizio a Cold Mountain, l'uomo aveva percorso quel triste tragitto accompagnando uomini molto diversi. Eppure non aveva mai incontrato nessuno che somigliasse a John Coffey, un ragazzone nero condannato a morte per l'omicidio di due gemelline di nove anni. Coffey aveva le dimensioni e la forza per uccidere chiunque, ma il suo modo di comportarsi era in netto contrasto con il suo aspetto fisico. Oltre a un carattere semplice e ingenuo e a un'infantile paura del buio, il ragazzo possedeva un dono soprannaturale. Era davvero colpevole del brutale omicidio? Con lo svolgersi degli eventi, Paul Edgecomb avrebbe scoperto che a volte i miracoli accadono nei luoghi più impensati.


Credo che col tempo stiate imparando a conoscermi e capire che ciò che faccio lo faccio sempre e solo col cuore; spesso questo regala emozioni straordinarie, ma altrettante volte lascia alle persone la possibilità di farmi soffrire. Penso di essere entrata così in empatia con il protagonista di questo racconto perché, anche se non ho poteri soprannaturali, mi capita tante volte di star male nel vedere il male che si fanno le altre persone - oltre a quello che fanno a me direttamente.
Comunque non voglio rinunciare a un lato umano come questo, è una parte di me e voglio usarla per far del bene finché ne ho la forza... così come ha fatto il nostro buon John, finché non è stato troppo anche per un animo buono come il suo.


Sono stanco, capo. Stanco di andare sempre in giro solo come un passero nella pioggia. Stanco di non poter mai avere un amico con me che mi dica dove andiamo, da dove veniamo e perché. Sono stanco soprattutto del male che gli uomini fanno a tutti gli altri uomini. Stanco di tutto il dolore che io sento, ascolto nel mondo ogni giorno, ce n'è troppo per me. È come avere pezzi di vetro conficcati in testa sempre continuamente. Lo capisci questo?

7 commenti :

  1. Ciao Jen! Come sempre scegli frasi bellissime! Mostrare le proprie emozioni, soprattutto esserne in grado, è sicuramente segno di forza. Personalmente sono una persona che non mostra molto ciò che sente, sono sensibile certo, ma è difficile per me esternare delle emozioni se non la felicità, il resto me lo tengo per me e non volontariamente, ho un carattere abbastanza composto, se posso usare questo termine xD Ma apprezzo moltissimo coloro che esternano ogni cosa, fa apparire la persona più vera.
    Questo film lo amo, è assolutamente da vedere e possiamo pure definirlo IL film per eccellenza!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei gentilissima :) grazie davvero!
      Comunque, credo sia giusto che ognuno sia fatto a suo modo... l'importante è riuscire ad apprezzare gli altri per come sono e non per come si pensa sia giusto dovrebbero essere. Questo purtroppo non è da tutti.
      Grazie ancora per le bellissime parole ❤️

      Elimina
  2. Ciao Jen! ❤
    Credo di essere la più grande fan di questa rubrica e del tuo blog, naturalmente anche tua eh! XD *pazza*
    Hai colpito un nervo scoperto per quanto mi riguarda perché mi ritrovo completamente con ciò che hai scritto. Siamo uguali da questo punto di vista e spesso mi ritrovo a soffrire quando invece il mio intento era solo fare del bene ma vengo spesso fraintesa perché posso sempre troppo impicciona. Non devi assolutamente cambiare ciò che sei e nascondere le tue emozioni perché le persone devono volerti bene per come sei realmente non per quello che vorrebbero vedere. Sei una ragazza così dolce che è impossibile non ammirarti per ciò che fai, si vede che ci metti il cuore e ti fa sembrare così genuina, vera e non costruita come vedo in giro.
    Mi hai conquistata con questo post, credo proprio che vedrò il film! Un bacione! :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei un vero tesoro ❤️ hai detto cose bellissime su di me e mi conosci da pochissimo, ma sei stata davvero dolcissima. Grazie di cuore.
      Credo che anche tu sia una splendida persona, lo si legge tra le righe dei tuoi post che mi fanno impazzire.
      Per me è un onore avere i tuoi commenti nel blog :) ❤️

      Elimina
    2. Oh ma il tesoro sei te Jen davvero! ❤️
      Riesci a tirare fuori il meglio di me, sei così carina e coccolosa che il più delle volte ti vorrei strapazzare di abbracci! ^_^
      Un bacione! ❤️

      Elimina
  3. Risposte
    1. Sì, Chiara! Lo amo alla follia ❤️

      Elimina