SOCIAL MEDIA

mercoledì 20 gennaio 2016

Recensione: The Revenant, Alejandro G. Iñárritu

Aspettavo l'uscita di questo film da almeno sei mesi; già allora sentivo dentro di me che ci sarebbe stato qualcosa di diverso nell'interpretazione di Leonardo DiCaprio... ma lo vedremo a breve.
Questa sarà una recensione piuttosto lunga, non sono riuscita ad essere più concisa di così, ma spero apprezzerete comunque la lettura - è molto importante per me esprimere bene il mio pensiero, sopratutto in ambito cinematografico.


THE REVENANT

Regia: Alejandro González Iñárritu
Sceneggiatura: Alejandro González Iñárritu, Mark L. Smith
Produttore: Steve Golin, Keith Redmon, David Kanter, Alejandro González Iñárritu, Arnon Milchan, James Skotchdopole
Produttore esecutivo: Paul Green, James Packer, Brett Ratner
Casa di produzione: New Regency Productions, RatPac Entertainment
Paese: USA
Anno: 2015
Genere: Drammatico, avventura
Durata: 156 min

TRAMA:
Tratto da una storia vera, Revenant racconta l'epica avventura di un uomo che cerca di sopravvivere grazie alla straordinaria forza del proprio spirito. In una spedizione nelle vergini terre americane, l'esploratore Hugh Glass (Leonardo Di Caprio) viene brutalmente attaccato da un orso e dato per morto dai membri del suo stesso gruppo di cacciatori. Nella sua lotta per la sopravvivenza, Glass sopporta inimmaginabili sofferenze, tra cui anche il tradimento del suo compagno John Fitzgerald (Tom Hardy). Mosso da una profonda determinazione e dall'amore per la sua famiglia, Glass dovrà superare un duro inverno nell'implacabile tentativo di sopravvivere e di trovare la sua redenzione.


DIFFICILE, questo è l'aggettivo che accomuna i film in uscita quest'anno e in lotta per il premio più ambito nel mondo del cinema: l'Oscar.
La pellicola diretta dal premio Oscar - per la regia e miglior film con Birdman - e vincitore ai Golden Globe - per miglior regia e miglior film con Revenant - è tra le più crude, violente, drammatiche e riflessive che abbia visto negli ultimi tempi.
Preciso, non è un genere che prediligo, anzi... se non fosse stato per le candidature e la presenza dell'incredibile Leonardo DiCaprio, dubito sarei andata a vederlo.
Non mi è piaciuto? Nient'affatto, ho apprezzato tantissimo la visione di questo film e questo mi ha davvero stupita: ero andata al cinema esclusivamente per essere il più preparata possibile e avere la prova della mia sensazione sulla recitazione di DiCaprio.
A differenza di molti, fino ad ora non avrei mai premiato Leonardo con la più ambita delle statuette; questo non significa che lui non sia un attore da Oscar, lo è da diverso tempo - non per Titanic -, ma quello che voglio dire è che non basta essere un attore da Oscar per vincerlo, devi essere il migliore tra quelli in gara quell'anno. A mio modesto parere, fino ad oggi, lui non lo è stato e non per suo demerito, ma per l'eccellenza dei suoi "rivali".
Vi dirò di più, non credo sia un problema di complotti, del fatto che lui sia odiato all'interno dello star system o che lo fosse Martin Scorsese - quest'ultimo premiato come miglior regista nel 2007 con il film The Departed - con il quale l'attore ama collaborare; questo discorso sminuirebbe una sua eventuale futura vittoria e un attore del suo calibro non lo merita affatto.

Spese queste parole, passiamo alle cose che hanno catturato la mia attenzione e hanno ottenuto la mia più totale approvazione di The Revenant:

  • la regia - non sono una sua fan, ma Alejandro G. Iñárritu non mi è dispiaciuto per niente, né in Revenant - Redivivo, né in Birdman che invece a molti non è piaciuto e altrettanti non hanno nemmeno voluto vederlo. Quest'anno il regista si è decisamente superato, dando vita ad un viaggio verso una realtà a molti di noi sconosciuta. Ho apprezzato il suo coraggio nel riprendere scene crude e violente, sapendo perfettamente quanto rischiosa e discussa sarebbe stata la scelta, ma una storia di questo genere avrebbe perso ogni significato con delle censure: è giusto fa vedere allo spettatore quella che è purtroppo la realtà;
  • la velocità narrativa - un grande errore facilmente commesso è quello di rendere un film troppo veloce o troppo lento, in questo caso non è successo. La direzione di Iñárritu è stata incredibile, ha dato il giusto spazio agli eventi, permettendo così allo spettatore di metabolizzare ogni singola scena;
  • l'ambientazione - i paesaggi straordinari dove è stato girato il film ne rendono la visione ancora più coinvolgente. Le meravigliose distese canadesi, tra i posti più belli al mondo, hanno dato alla pellicola quel sapore di realtà e natura, indispensabili per una storia di così forte impatto: Ci si ritrova terribilmente combattuti tra la sofferenza del personaggio e la bellezza di quei panorami mozzafiato;
  • il cast - un buon film non sarà mai tale senza un ottimo cast e la bravura di un regista si vede anche in questo. Spicca tra tutti la performance di Tom Hardy, nei panni di un maledetto John Fitzgerald, che ha letteralmente reso impossibile la vita del povero Hugh Glass;
  • Leonardo DiCaprio - senza la sua presenza The Revenant non sarebbe stato un film di tale spessore. Lui questa volta ha fatto la differenza. Le assurde difficoltà che ha dovuto affrontare per realizzare la più straordinaria delle sue interpretazione, sono sicuramente tra i motivi che hanno portato la giuria degli Academy a candidarlo come migliore attore. Credetemi, dopo aver letto le interviste e scoperto cos'ha dovuto fare per questo ruolo, e dopo aver visto il film e provato attraverso la sua bravura delle dolorosissime emozioni, vi renderete conto che mai come ora Leonardo DiCaprio merita di vincere l'Oscar come miglior attore protagonista.


Con ben 12 candidature agli Oscar - miglior film, miglior regia, miglior attore protagonista, miglior attore non protagonista, miglior montaggio, miglior fotografia, migliori costumi, miglior trucco, migliori effetti speciali, miglior sonoro, miglior montaggio sonoro - Revenant - Redivivo è decisamente la pellicola più ambiziosa presente agli Academy Awards del 2016.
Non ci resta che andare avanti con la preparazione e attendere il 28 Febbraio per avere le risposte definitive, ma nel frattempo faccio a Leonardo DiCaprio i miei più sinceri complimenti per la sua EPICA interpretazione.

STUPENDO, CON UN DICAPRIO DA OSCAR

12 commenti :

  1. Io fin'ora dei film candidati all'Oscar ho visto solo La Grande Scommessa, che ho amato. Volevo anche commentare il tuo post ma ero un po' incasinata ahaha
    Revenant è il prossimo film che ho intenzione di vedere. Spero non mi deluda :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a me è piaciuto molto La grande scommessa, spero ti piaccia anche Revenant... merita molto, sia per la storia che per la prova di tutto il cast. :)

      Elimina
  2. Non ho ancora avuto il tempo di vederlo, ma da come ne parli mi sembra un film bellissimo. Mi è piaciuto molto il tuo commento, dettagliato e ben approfondito. Brava! Sono d'accordo con te su DiCaprio: è un attore da Oscar, ma si è scontrato con altri grandi attori.
    Ora però mi hai incuriosito ancora di più, non vedo l'ora di vedere Leo in azione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa molto piacere sapere di non essere l'unica ad avere questo pensiero su DiCaprio :) attenderò con ansia di sapere la tua sul film.
      E grazie di cuore per i complimenti sulla recensione!

      Elimina
  3. ecco e allora voglio vederlo anche io

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì *.* poi fammi sapere cosa ne pensi!

      Elimina
  4. Ciao Jen! Mi piacerebbe molto leggere il libro da cui è stato tratto il film, ma questa volta credo proprio vedrò prima il film e sono molto curiosa dopo averne tanto sentito parlare =)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hanno alimentato una curiosità infinita per questo film, fortunatamente non ha reso la visione meno entusiasmante. Poi fammi sapere cosa ne pensi :)

      Elimina
  5. Sono andata a vedere questo film in preda alla curiosità dopo aver letto una delle molte interviste che aveva rilasciato Di Caprio in cui descriveva cosa aveva dovuto fare, quante ore passava per il trucco, le sveglie mattutine e le indescrivibile prove principalmente fisiche a cui era stato sottoposto.
    Anche io non adoro questo genere, ma non so perché ero veramente troppo curiosa.
    I paesaggi sono stupendi, le riprese mi piacciono un sacco ed entri subito in empatia con il protagonista.
    Penso che Leo meriti l'Oscar per l'interpretazione che ha fatto ma ne ammiro soprattutto il coraggio che ha avuto nel mettersi alla prova con un ruolo tutt'altro che semplice.
    Ammetto che il regista non lo conoscevo, ma questo lavoro mi ha colpito, alla fine dietro un grande film c'è sempre un grande regista!
    Non sono assolutamente brava e con il tuo occhio da amante del cinema, quindi nel mio piccolo ribadisco che lui merita l'Oscar come migliore attore, ma sono quasi sicura che questo film vincerà anche altri premi perché per quanto li debba ancora vedere quasi tutti, solo ai titoli di coda già si capisce che questo film è di un'altra pianeta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono stati tutti molto bravi, è vero.

      Elimina
  6. Quest'anno ho deciso che devo cercare di vedermi tutti i film candidati per gli oscar, per cui tra poco sarà anche il turno di Revenant!! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bravissima *.* fammi sapere poi cosa ne pensi.

      Elimina