SOCIAL MEDIA

mercoledì 23 marzo 2016

Review: Il cavaliere d'inverno, Paullina Simons


Buongiorno meravigliose anime, come state?
Finalmente sono tornata con una recensione, dopo settimane di assenza. Ho avuto una sorta di crisi esistenziale e non ero sicura di voler continuare a recensire, non farlo però me ne ha fatto sentire la mancanza e quindi eccomi qui! :D
Complice di questo ritorno è il libro di cui vi parlerò oggi: Il cavaliere d'inverno, Paullina Simons.



IL CAVALIERE D'INVERNO

Paullina Simons

TITOLO ORIGINALE: The Bronze Horseman
GENERE: romanzo storico, d'amore, di guerra
SEGUITO DA: Tatiana & Alexander, Il giardino d'estate


TRAMA: 
Leningrado, 1941. In una tranquilla mattina d'estate Tatiana e Dasha, sorelle ma soprattutto grandi amiche, si stanno confidando i segreti del cuore, quando alla radio il generale Molotov annuncia che la Germania ha invaso la Russia. Uscita per fare scorta di cibo, Tatiana incontra Alexander, un giovane ufficiale dell'Armata Rossa che parla russo con un lieve accento. Tra loro scatta subito un'attrazione reciproca e irresistibile. Ma è un amore impossibile, che potrebbe distruggerli entrambi. Mentre un implacabile inverno e l'assedio nazista stringono la città in una morsa, riducendola allo stremo, Tatiana e Alexander trarranno la forza per affrontare mille avversità e sacrifici proprio dal legame segreto che li unisce.



Una volta terminato questo romanzo, l'unica cosa che mi ha permesso di andare avanti è stata sapere di avere già tra le mani il seguito: Tatiana & Alexander. Travolta dalle emozioni, dalle domande, dalla voglia di sapere di più di questi meravigliosi personaggi e del loro futuro, a stento sono riuscita a scrivere un breve pensiero su goodreads.

Il cavaliere d'inverno è molto più di un libro, molto più di una storia d'amore, molto più di un semplice romanzo ambientato in un contesto storico difficile. È una di quelle storie fuori dal comune, che trascina il lettore dentro le sofferenze e le emozioni dei personaggi. È un meraviglioso, ma struggente, viaggio in una fredda e tortuosa Russia, assediata dalle truppe di una Germania nazista...e credetemi, sarà difficile non lasciarsi coinvolgere fin dalle prime pagine.

I punti di forza di questo romanzo sono innumerevoli, ci sono così tante ragioni che conducono i lettori ad innamorarsene che diventa veramente complicato poterne fare una recensione senza perdersi fra i discorsi; a tal proposito proverò ad elencarne alcuni degli aspetti che, secondo il mio parere, rendono questa storia dir poco epica:

  • stile narrativo - la scrittrice non ha scelto, l'ormai inflazionato, io narrante, ma ha optato per una narrazione in terza persone che a mio avviso alleggerisce la lettura, evitando molti noiosi e strazianti monologhi interiori dei protagonisti;
  • contesto storico - da lodare è sempre la straordinaria Paullina che ha impeccabilmente descritto il periodo in questione, trascinando i lettori dentro un vortice di sofferenza, ansia, paura... sarà difficile non immaginare quel che è accaduto in quegli anni, dopo aver letto questo libro;
  • caratterizzazione dei personaggi - di recente mi sono accorta che spesso ciò che penalizza un libro non è tanto la mancanza di una solida trama, quanto l'incapacità di definire le personalità dei protagonisti - e non solo. In qualità di lettrice, nemmeno tanto pretenziosa, mi sento di suggerire agli scrittori di non sottovalutare la cosa, perché moltissime storie sono rovinate dal patetico essere dei suoi personaggi. Il cavaliere d'inverno, invece, è un ottimo esempio di come la competenza porti all'eccellenza e lo si può notare non solo dalla straordinaria caratterizzazione dei personaggi, ma anche dal vasto numero di essi, tutti con delle peculiarità che, nel bene o nel male, non ti permettono di dimenticarli;
  • grande equilibrio tra romance e storico - in generale, mantenere un equilibrio in un romanzo non è affatto semplice: c'è chi si annoia se parla troppo di storia, chi se è troppo sdolcinato, chi non vuole altro che scene spinte, chi invece le detesta... fare contenti tutti non è elementare come si possa pensare, eppure la Simons è riuscita anche in questo alla quasi perfezione, regalandoci un indimenticabile cocktail di guerra e pace;
  • ricercatezza e imprevedibilità della trama - con un illimitato numero di storie d'amore, è davvero facile ritrovarsi a scrivere un racconto dozzinale... eppure, ancora una volta, Paullina Simons si è distinta dalla massa, creando un capolavoro all'interno del quale è impossibile non rendersi conto della raffinata ricerca dei dettagli e la voglia di sorprende, seppur facendo soffrire i poveri appassionati lettori.

Insomma, credo di aver passato il messaggio di semi-perfezione di quest'opera, che non raggiunge la lode solo a causa di una piccola nota che personalmente ho trovato stonata:

*** SPOILER ALERT ***

Verso la fine del libro, quando finalmente Tatiana e Alexander hanno avuto la possibilità di passare del tempo insieme, credo non fossero necessarie tutte quelle pagine di momenti carnali, povere di contenuti. Le prime volte è stata una grande emozioni, sono la prima che in quelle occasioni ha il cuore a mille e gli occhi lucidi, ma a lungo andare la cosa è diventata stucchevole e fuori luogo. Forse avrebbe potuto accorciare quel lasso di tempo o permettere ai personaggi di confrontarsi maggiormente su aspetti del loro passato.

E con questo concludo la mia recensione con il commento dell'iniziativa The Secret Circle - alla quale siete sempre tutti invitati a partecipare.

«Se solo conoscessi parole degne di questa meravigliosa storia, allora sì che potrei scriverne una recensione decorosa. Invece sono qui, con il libro concluso tra le mani e il cuore che batte all'impazzata; con mille pensieri nella testa e una valanga di emozioni che portano in una sola direzione: l'amore. L'amore per un libro ben scritto; un contesto storico difficile, ma straordinariamente narrato; l'amore per Alexander e Tatiana, due anime così forti e legate da un profondo sentimento che, senza chiedere il permesso e con prepotenza, rubano e stregano i cuori dei lettori.» J.M.

DA OSCAR


17 commenti :

  1. per me questo è IL romanzo d'amore, hai ragione su tutti i punti, io però la lode gliela darei, non mi hanno stufato quelle pagine, anzi. Finalmente un po' di pace per loro due, una boccata d'aria che mi ha permesso di "sopportare" meglio Tatiana & Alexander. Sono contenta che sia piaciuto tanto anche a te!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh, Chiara *.* ❤ questa storia d'amore mi sta sconvolgendo, pagina dopo pagina. Tatiana & Alexander è a dir poco straziante, in senso buono... diciamo che la loro storia d'amore è tanto bella quanto sofferta. :) ❤

      Elimina
  2. Ho sorvolato sullo spoiler perché voglio che sia tutto una sorpresa :D
    Comunque c'è poco da fare, questo libro piace proprio a tutti *o* dunque non potrà non piacere anche a me! Spero di riuscire a trovargli un posticino in TBR nei prossimi mesi, devo solo aspettare il momento giusto :3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, quando sarà il momento giusto ti ruberà il cuore, vedrai! ❤ *.*

      Elimina
  3. Questo libro ne parlano tutti così bene che sono sicura che prima o poi lo leggerò, devo solo trovare il momento adatto in mezzo a tutte le altre letture in corso che ho :)
    Comunque capisco quando dici che un grosso problema è la caratterizzazione di un personaggio... perché alla fine se un personaggio è ben caratterizzato non importa se è simpatico, noioso, cattivo, gentilissimo, dolce o l'opposto... di solito piace perché sembra vivo, realistico, perché sembra qualcosa/qualcuno, con cose da dire e questo è l'importante :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bravissima, è proprio ciò che intendevo e purtroppo non è così semplice trovare romanzi con dei personaggi ben caratterizzati.
      Spero lo leggerai presto, perché è così bello che sto convincendo tutti a leggerlo e farsi trasportare dalle travolgenti emozioni della storia d'amore. ❤

      Elimina
  4. Complimenti per questa recensione, che ho apprezzato più del libro...forse l'ho letto nel periodo sbagliato, ma non c'è stata empatia tra noi :-(
    Ti invito da me per un giochino semplice che ti darà l'opportunità di vincere dei cartacei. Passa se tiva.
    http://ilcuoreinunlibro.blogspot.it/2016/03/vecchio-amico-3-libri-senza-tempo_4.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, grazie per essere passata e per i complimenti sulla recensione. Mi spiace non ti abbia conquistata questa storia, ma d'altra parte non siamo tutti uguali e i gusti sono indiscutibili. :)
      Passo sicuramente a dare un'occhiata al tuo blog e al giochino. ❤

      Elimina
  5. Ciao Jen <3 Abbiamo già parlato di questo libro e sarà sicuramente uno dei miei prossimi acquisti! La recensione che hai scritto è molto bella e sentita, bravissima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, tesoro ❤ non vedo l'ora di poter parlare di questa storia anche con te! *.*

      Elimina
  6. Ho sempre letto ottime recensioni di questo romanzo ma, non so perché, non mi attira molto. Poi, ho una TBR infinita da completare, prima di poter concedermi altri libri che non sono "urgenti" ahaha

    RispondiElimina
  7. Ora mi hai messa in crisi...comprarlo o non comprarlo?
    Ho evitato lo spoiler nel caso mi decidessi ahah! Bellissima recensione tesoro! ❤

    RispondiElimina
  8. Io devo assolutamente recuperare questo libro, ne ho sentito parlare benissimo da tutti, complimenti per la recensione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille! :) Spero di leggere presto una tua recensione. ❤

      Elimina