SOCIAL MEDIA

venerdì 15 aprile 2016

Good Vibes - Impossible vs Hard




#GoodVibes rubrica di BTS of my Soul a cadenza mensile. Lo scopo di questa rubrica è suscitare nei lettori sensazioni positive, cercare di essere d’ispirazione attraverso post che tratteranno argomenti in grado di spronare i lettori.


Bentornati a un nuovo appuntamento della rubrica Good Vibes. :)

Oggi tratteremo un argomento che mi è passato per la mente una mattina, mentre andavo a lavoro - vi rendete conto che il mio cervello inizia a lavorare già dalle sei? Inconcepibile, devo porre rimedio.
Comunque, voglio analizzare insieme a voi la differenza tra le parole difficile e impossibile; voglio provare ad aiutare persone che, come me, troppo spesso si ritrovano a confondere i due vocaboli e arrendersi con estrema facilità, privandosi così delle cose più belle che la vita ci può offrire.

diffìcile agg. [dal lat. difficĭlis, comp. di dis-1 e facĭlis «facile»]. – 1. a. Non facile, che richiede quindi sforzo, fatica, attenzione, abilità: da farea direa ottenereimpresa d.; lavoro da eseguire o di desecuzioneun’operazione (chirurgica) d.; lingua dda imparareargomento da trattarsi; pieno di difficoltà, di disagi: la vita diventa sempre più d.; rendere la vita da qualcunoavere il respiro d., faticoso. Nell’alpinismo, scalata d., molto d., straordinariamente d., estremamente d., rispettivamente di 3°, 4°, 5° e 6° grado. In contrapp. a facile, in alcuni suoi usi recenti, per indicare inettitudine, scarsa disposizione: avere il sorriso d., essere restìo a sorridere. Come predicato, con valore neutro: è davere tutto ciò che si vuoleè assai dconvincerlo; con la negazione, non è d., è probabile, può darsi: non è dche ritorni domani stesso


È difficile sfidare le proprie insicurezze, avere un faccia a faccia con i propri timori, oltrepassare i limiti e raggiungere obiettivi utopici, ma ciò che li rende impossibili siamo solo ed esclusivamente noi.
"Noi siamo gli artefici del nostro destino" è forse la classica frase fatta un po' troppo astratta, sono però fermamente convinta che siano le decisioni che prendiamo ogni giorno a dare un percorso preciso alle nostre vite. Anche il gesto più stupido e all'apparenza irrilevante, come può essere scegliere di mangiare un gelato al posto di un piatto sano, influisce sul nostro domani, quindi provate a immaginare quante decisioni determinano il nostro futuro.

Purtroppo, quando si tratta di dover prendere in mano la situazione e responsabilizzarci, molti di noi - me in primis - si comportano da vigliacchi, preferendo piangersi addosso invece di reagire.
Non ci piace il nostro fisico e vorremmo essere più toniche e magre? Perfetto! Perché invece di continuare a mangiare male e crogiolarci sul divano, non alziamo le nostre chiappe per fare qualche esercizio e ci rivolgiamo a un dietologo o nutrizionista? Be', ovviamente lamentarsi, leccando l'indice pieno di Nutella è meno faticoso, ma spesso la scusa che troviamo è simile a un "non ho tempo e comunque è tutta questione di costituzione".
Questo è solo un esempio e vi assicuro che potrei farne altri mille: lavoro, viaggi, corso di studi... ogni singolo desiderio, che non proviamo nemmeno a realizzare, nel nostro cervello farà parte delle cose impossibili, ma sappiate che ci stiamo mentendo spudoratamente.
Abbiamo la straordinaria capacità di trasformare in impossibile ciò che è difficile perché non disposti al sacrificio, alla fatica, a sforzarci un po' di più per arrivare dove vorremmo... questo atteggiamento, però, non ci porterà lontano.
Fino a qualche mese fa credevo fosse impossibile andare in palestra: mi sveglio alle sei del mattino per andare a lavoro e la sera non arrivo a casa prima delle 18.30/19 - quando non faccio straordinari; mangiare, cucinare, aiutare in casa, insomma, ci vuole veramente poco ad arrivare alle 22.30/23 e a quel punto è davvero ora di dormire. Eppure con un po' di sforzo, qualche sacrificio e un'abilità di cui non ero a conoscenza, ora vado in palestra due volte a settimana e nel weekend cerco di completare attraverso esercizi di Yoga.
Tralasciando il discorso economico, perché non tutti possono permettersi di spendere le stesse cifre e purtroppo c'è chi non ha proprio soldi disponibili per questo genere di attività, quello che voglio farvi capire è che possiamo ottenere tantissimo se abbiamo un po' di forza di volontà. Chi dice che per fare palestra ci si debba iscrivere in un centro apposito? Esistono svariati tutorial in rete, perfino delle app, che possono accompagnare il vostro allenamento, dandovi ottimi spunti... senza parlare della corsa, per quella vi bastano delle scarpe e una strada.
Ma il punto non è l'attività fisica, il punto è: siete sicuri che quella cosa che tanto desiderate sia impossibile e non solo difficile da ottenere? Magari non è possibile in questo preciso momento, ma non significa che sia impossibile.

Ho trascorso buona parte della mia vita a credere che il destino ce l'abbia con me, che ami farmi soffrire e vedere fallire: tanti sogni distrutti ancora prima di iniziare e collezioni infinite di delusioni, ma posso davvero colpevolizzare altri se non me stessa? No, non più. Ora ho capito che se quel sogno che porto nel cuore da quando ho memoria, è ancora lì chiuso nel cassetto, è colpa mia perché non ho mai lottato davvero per realizzarlo. Mi sono fatta trascinare dalle paure, ho camminato in pianura perché le salite erano più faticose, sono andata dritta verso una strada senza uscita fino a sbattere contro un muro.

impossìbile agg. [dal lat. tardo impossibĭlis, comp. di in-2 e possibĭlis «possibile»]. – 
1. 
a. Che non è possibile, sia in senso assoluto sia in relazione a determinate persone o circostanze (o anche, con uso estens. e iperb., che è cosa assai difficile): iad accaderea farsia dirsia pensarsiimpresasogno ia realizzarsicredereritenere i.; guarigionedifesa i.; ogni ulteriore resistenza era i.; a Dio nulla è i. (e con riferimento enfatico a persona influente, che ottiene con facilità ciò che vuole: a lui, o per luiniente è i.); problema d’isoluzioneè materialmente ifare in tempomi è iaccettareaccontentartiè iandare avanti cosìè umanamente idurare in questa situazione; con la negazione, non è i., ammettendo che una cosa, per quanto difficilmente, possa accadere o abbia qualche probabilità di esito. In matematica, sistema i., locuz. talora usata, impropriam., per sistema (di equazioni) incompatibileFigure i., particolari rappresentazioni prospettiche che risultano da costruzioni geometriche tridimensionali volutamente incongrue e non corrispondenti ad alcun oggetto reale o comunque materialmente costruibile, ma tali da produrre effetti illusorî e paradossali. Nel linguaggio giur., reato i., quando, per la inidoneità dell’azione o per la inesistenza dell’oggetto di essa, non può aver luogo l’evento dannoso o pericoloso che costituisce il reato. Pare i.!, come esclam., a proposito di fatti veri ma che si stenta quasi a credere tali; analogam.: pare iche tu capisca sempre a rovesciosembra iche non ci sia una fontana in tutta la zona. Enfatico il superl. impossibilissimo

Troppe volte commettiamo l'errore di prendere la strada più facile, rinunciando a qualcosa di difficile perché sicuri che sia impossibile.



Be', ora prendete i guantoni e combattete per ciò che desiderate... non avete più scuse, ora sapete che è possibile! ❤

4 commenti :

  1. Questa è la settimana in cui dovremo stampare anche il secondo tuo post e appendermelo in camera! Anzi questo davanti allo specchio così mentre mi guardo allo specchio piangendomi addosso.
    Non potevi usare parole e concetti migliori.
    Io sono la regina del 'non posso' 'se solo' 'da domani' e so bene che sono solo scuse e giustificazioni. Ma le tue parole se ben ascoltate spesso aiutano ad aprire gli occhi. Con me perlomeno ci sei riuscita.
    Trovo affascinante e interessante il percorso di cambiamento che hai intrapreso e questo dimostra ancora una volta che hai forza da vendere.
    Sei una fantastica fonte d'ispirazione perché sei la dimostrazione che volere è potere!

    RispondiElimina
  2. Mi trovo d'accordissimo con Francesca, sei una fonte di ispirazione e di motivazione, e hai detto delle grandi verità!! Da domani inizierò un workout da youtube, ti farò sapere se la costanza sarà mia amica o no! Grazie! ^_^

    RispondiElimina
  3. Jen <3 Adoro quando scrivi questi post, amo la forza che metti in ogni parola! Io sono dell'idea che se si vuole qualcosa bisogna impegnarsi per ottenerla, nulla piove dal cielo e odio il vittimismo! Non ci piace qualcosa, di qualsiasi genere sia? Facciamo qualcosa, stare ad aspettare non serve a nulla! Bello il filo logico del post con impossibile e difficile, complimenti! <3

    RispondiElimina
  4. Wow tesoro, adoro questi post! ❤
    Mi trasmetti una carica ed una forza d'animo allucinanti e mi sento quasi invincibile. Spesso capita anche a me di confondere le due cose e di ritrovarmi disperata perché non riesco ad ottenere alcuni obbiettivi...so è tutta una questione di testa più che di altra natura ma quando sei talmente scoraggiata non è semplice risalire. Hai scritto un post fantastico, come sempre molto profondo! ❤

    RispondiElimina