SOCIAL MEDIA

mercoledì 27 aprile 2016

Review: Tatiana & Alexander, Paullina Simons


E dopo le sofferenze de Il cavaliere d'inverno, eccomi di nuovo con questi due tragici innamorati.
Tatiana e Alexander, due anime perdute che si sono ritrovate l'uno nel cuore dell'altra... una storia d'amore ricca di dolore, sacrifici e scelte difficili...

Vi anticipo che non ci saranno spoiler durante la recensione.


TATIANA & ALEXANDER

Paullina Simons

TITOLO ORIGINALE: Tatiana and Alexander
GENERE: romanzo storico, d'amore, di guerra
PRECEDUTO/SEGUITO DA: Il cavaliere d'inverno, Il giardino d'estate


TRAMA: 
La diciottenne Tatiana Métanova dà alla luce suo figlio Anthony Alexander Barrington sulla nave che la sta portando verso la salvezza: L’America, la terra delle opportunità. Si è lasciata alle spalle Leningrado assediata dai nazisti, e un’Unione Sovietica devastata dal conflitto, dalla fame, dal gelo, dalle lotte intestine. E purtroppo anche l’adorato Alexander, suo marito, il giovane ufficiale dell’Armata Rossa di cui si è perdutamente innamorata a prima vista proprio il giorno in cui la Germania ha dichiarato guerra al suo Paese. Alexander che si è sacrificato per consentire a lei e al bambino che porta in grembo di avere un futuro. Tatiana, pur disperata, non può arrendersi. deve resistere per suo figlio. E a New York trova lavoro, amici e la vita che aveva sognato. Ma il suo dolore è inconsolabile, i fantasmi del passato non le danno tregua, la voce di Alexander continua a risuonare nelle lunghe notti insonni. Non può, non deve essere morto. Non può averla abbandonata, glielo aveva promesso… perché il loro amore che ha sconfitto l’inverno e la fame, che ha gridato più forte delle bombe, che come un fiore è sbocciato nella neve e nel gelo, non può finire così…



In questo libro ho sofferto davvero tanto, forse più che nel primo - per quanto fosse possibile.
Insomma, Paullina sa come farti perdere il senno e impazzire per una storia d'amore: gioca bene tutte le sue sadiche carte.

Se ne Il cavaliere d'inverno non sapevo più come fermare i battiti accelerati del mio cuore, in Tatiana & Alexander avevo paura di finire come Elena Gilbert quando ha deciso di spegnere le sue emozioni dopo la morte del fratello.

Questo secondo capitolo della serie è davvero pesante e non nel senso negativo del termine; Tatiana & Alexander fa notevolmente sentire il suo peso lungo tutte le sue 667 pagine, rendendo a tratti tristi, nostalgici, innamorati, delusi e arrabbiati. Avrete un apporto così grande di sensazioni negative che l'unica cosa che vi farà andare avanti nella lettura - oltre alla straordinaria capacità della scrittrice di catturavi fino in fondo - sarà la speranza che prima o poi arrivi quel momento che tanto state desiderando e aspettando.

Quello che mi piace molto di questa scrittrice è che riesce a dare spazio a tanti altri personaggi: già nel primo abbiamo conosciuto un vasto numero di persone, più o meno legate ai due protagonisti, e in questo secondo libro non ha smesso di farlo, permettendoci di vedere entrambi relazionarsi con altre persone. È così che si può comprendere maggiormente la caratterizzazione dei due protagonisti, è così che si sceglie cosa può piacere o meno e chi dei due amiamo di più.
Personalmente ho avuto momenti dove avrei strozzato uno, piuttosto dell'altro, momenti dove avrei strozzato entrambi e momenti dove li amavo e basta... cosa c'è di più reale di questo?

Devo dire che Tatiana & Alexander l'ho trovato leggermente meno coinvolgente del primo, pur confermando tutti i punti forza elencati nella scorsa recensione, ma credo sia normale perché ciò che rende indimenticabile il primo libro è proprio la magia dell'inizio di un amore - cosa che ovviamente non può esserci in un sequel.

A questo punto vi lascio con il mio voto finale e aspetto con ansia i vostri pareri, se avete letto la storia... e se per caso non lo aveste ancora fatto, vi invito davvero a rimediare perché è un romanzo che nel bene e nel male riesce ad entrare nel cuore di quasi tutti. ❤

STUPENDO


8 commenti :

  1. anche io ho sofferto ancora di più del primo, talmente tanto che è passato quasi un anno e non ho ancora avuto voglia di cimentarmi col terzo. Lascio a questi poveri protagonisti ancora per un po' questa conclusione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Chiara! Guarda, credo tu abbia fatto bene... non ti anticipo nulla del terzo, ma è sicuramente il meno coinvolgente tra tutti. :(

      Elimina
  2. Ciao Jennifer! Finalmente riesco a fare un giro dei blog che partecipa al linky party su BBSE c: il tuo è molto carino, ma soprattutto originale (adoro le rubriche, aww). Passando al libro, non ho ancora iniziato la serie, ma mi piacerebbe molto farlo, dato i pareri che ho letto in giro :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giusy e benvenuta. Ti ringrazio per essere passata e per il bellissimo complimento. ❤
      Non vedo l'ora di sapere la tua su questa storia incredibile... anche se molto sofferta. :)

      Elimina
  3. Jen cara! ❤ A leggere le tue recensione mi verrebbe da comprarli seduta stante anche se, forse, non sono in vena di soffrire...ultimamente sono più sensibile e piagnucolona del solito D:

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh, tesoro... ❤ forse è meglio se aspetti un pochino, allora. Questi due fanno soffrire parecchio, anche se conoscendoti ti innamorerai di certo di questa storia d'amore.

      Elimina
  4. Jen <3 Ho comprato Il cavaliere d'inverno (finalmente!), quindi appena lo inizierò ti farò sapere =)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Jess, non vedo l'ora di parlarneeeeeee! *.* ❤

      Elimina